Non sei riuscito a raggiungere un obiettivo?

 Non sei riuscito a raggiungere un obiettivo?

 Non sei riuscito a raggiungere un obiettivo?

 

Rialzati e impara da esso

Tendiamo a pensare al fallimento come a qualcosa di vergognoso, indesiderabile.

Comprensibilmente, non riuscire a raggiungerlo spesso causa sentimenti negativi, non importa quanto grande o piccolo fosse l’obiettivo.
E l’unico modo per superare questi sentimenti è cambiare il modo in cui comprendiamo il fallimento: fa parte del processo di successo e lascia lezioni preziose se sappiamo come imparare da esso.
Tre modi per ridefinire il fallimento e imparare da esso in modo efficace.
Non aver paura di commettere errori – Imparare dai tuoi errori è qualcosa di più che pensare a cosa è andato storto. Il primo passo verso l’utilizzo del fallimento come strumento per il successo è smettere di vedere gli errori come vergognosi.
Pensaci: un errore non è solo una parte naturale dell’imbarcarsi in un nuovo progetto; fa anche parte dell’esperienza umana. In quanto tali, dovrebbero essere accettati come un passo necessario per raggiungere i tuoi obiettivi.
Nel suo articolo “Strategie per imparare dai fallimenti”, Amy C. Edmondson classifica gli errori in tre categorie:

Prevenibile

Questi sono gli errori che spesso consideriamo negativi. Risultano dalla mancanza di concentrazione o attenzione alle procedure necessarie per raggiungere l’obiettivo.

Relativo alla complessità dell’obiettivo

Questi errori si verificano quando l’obiettivo è il prodotto di molti fattori: la tua motivazione, le abilità precedenti, il tuo ambiente, la rete di supporto e le risorse di cui disponi per raggiungerlo. Se uno di questi fallisce, potresti non essere in grado di raggiungere l’obiettivo.

Errori intelligenti

Secondo Adam Mendler nel suo articolo What Sales Executives Can Learn From Failure, avere la libertà di commettere errori aumenta la creatività e le prestazioni lavorative. Senza inutili pressioni per evitare errori e la vergogna che ne deriva, i dipendenti contribuiscono più frequentemente e sono in grado di esprimere idee più originali.
Ad esempio, molte grandi invenzioni sono state scoperte per caso, dai post-it alla penicillina.

Qualunque sia la fonte dell’errore, rimuovere eventuali sentimenti negativi su di esso e riformularlo come fonte di nuova conoscenza è il primo passo per imparare efficacemente dal fallimento.

Ma cosa c’è dopo?

Ripensa al tuo approccio al tuo obiettivo

Ora che stai esaminando l’errore senza giudizio, pensa a come sei entrato nella situazione.
Nel suo articolo Le 4 chiavi per imparare dai fallimenti, Guy Winch ti suggerisce di analizzare i tuoi livelli di motivazione, concentrazione e mentalità. Ti sei sentito meno motivato a raggiungere il tuo obiettivo ad un certo punto?

Qualcos’altro ti ha distratto dal tuo obiettivo?

Se la tua dedizione e concentrazione sono diminuite in qualsiasi momento, prendine nota e prova a trovare la causa. Identificare le cause interne ed esterne che hanno influenzato la tua determinazione ti aiuta a prepararti per loro in futuro.
In alcuni casi, discutere del fallimento con qualcuno di cui ti fidi può aiutarti a vedere i problemi da una prospettiva diversa.

Affidati alla tua rete di supporto per individuare cosa è andato storto e come puoi prevenirlo.

Pianificare in anticipo

Identificare la causa dell’errore non è sufficiente per prevenirlo in futuro.

È necessario adottare misure per evitare che l’errore si ripeta, sen non sei riuscito a raggiungere un obiettivo.

.
Se il tuo obiettivo era scrivere un romanzo in sei mesi, probabilmente hai identificato alcuni motivi per cui non sei riuscito a raggiungerlo: mancanza di tempo, pianificazione insufficiente o mancanza di motivazione.
Ma cosa puoi fare per evitare che questi problemi ostacolino il tuo obiettivo in futuro?

Nel nostro esempio, potresti ridimensionare l’ambito del romanzo, dedicare più tempo alla pianificazione della storia o impostare un tempo specifico per scrivere indisturbato.
In sintesi, il fallimento non è permanente.

Accettando il fallimento, analizzandone le cause e definendo come eliminarle, sei sulla buona strada per raggiungere i tuoi obiettivi.

Trovi altro qui: https://www.tuapresenzaonline.it/2020/04/19/come-essere-efficaci/

o qui: https://www.tuapresenzaonline.it/2021/09/13/trasformare-la-tua-vita/

Coach-P

Condividilo!

Informazioni su admin

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi richiesti sono contrassegnati *